I dati riportati dall’infografica che vedete in fondo all’articolo, realizzata da Recovery Data, azienda specializzata in recupero dati, parlano chiaro: siamo dipendenti dagli smartphone. Usiamo talmente tanto i nostri amati dispositivi elettronici, che questi hanno iniziato a influenzare anche i nostri rapporti sociali e sentimentali. A causa dello smartphone, infatti, si litiga almeno una volta al mese principalmente con i partner e i figli (anche se spesso sono i figli che rimproverano ai genitori l’eccessivo utilizzo del telefono) per diversi motivi: troppo tempo passato al telefono, messaggi ricevuti di notte, l’ennesima notifica di Facebook o il fatto che si “spia” il profilo social dell’altro.

Lo smartphone è anche entrato nella nostra routine: il 57% delle persone, infatti, controlla lo smartphone appena sveglio e l’83% legge le email di lavoro durante la notte. Ma il dato più impressionante è un altro: controlliamo lo smartphone almeno 200 volte al giorno e lo tocchiamo almeno 1000!

La situazione non è valida solo per l’Italia, ma è analoga in tutta Europa. Come potete vedere nella mappa con le statistiche degli smartphone in Europa, l’utilizzo giornaliero del telefono vale per più dell’83% in tutti gli stati europei e la diffusione degli smartphone in rapporto alla popolazione si avvicina al 90%. Questo significa che quasi tutti possediamo uno smartphone e lo usiamo almeno una volta al giorno. I principali utilizzi sono:

  • ricerca di informazioni sul web
  • controllo delle email
  • attività sui social network
  • ricerca di prodotti da acquistare
  • ascolto di musica

Ma quale può essere la soluzione? Di certo non quella di liberarsene: il 74% di chi ha acquistato uno smartphone nel 2016, infatti, si dichiara soddisfatto del proprio dispositivo. Quindi? Rassegnamoci e… controlliamo se c’è una nuova notifica!

Gelosia-3-punto-zero-amore-smartphone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata